Australia,  Pensieri e consigli di viaggio

Come dormire gratis (o quasi!) in Australia e altri utilissimi consigli di viaggio di cui non saprete piu’ fare a meno!

Viaggiando in Australia si percorrono chilometri e chilometri, si attraversano Stati rimanendo nella stessa nazione e addirittura, di tanto in tanto, si spostano anche le lancette dell’orologio per adattarsi ai diversi fusi orari. Questo per dire che l’Australia e’ davvero grandissima e ve ne rendete conto appena iniziate ad attraversare i suoi immensi spazi vuoti e in questi spazi vuoti non sempre troverete lussuosi alberghi o comodi campeggi, quindi bisogna arrangiarsi… La filosofia che adottiamo noi, per lo piu’, e’ quella di arrangiarci anche quando non siamo in mezzo al niente e le strutture ci sono, dato che il nostro budget e’ limitato e abbiamo sempre molte cose da vedere e molto asfalto da battere (e purtroppo della benzina non si può fare a meno, anche se c’è un piccolo trucchetto che vi permetterà di risparmiare un pochino, ma ve lo dirò alla fine dell’articolo!).

In pratica qui in Australia ci sono diversi modi per campeggiare gratis (o quasi) e poter risparmiare un bel po’ di soldi per l’alloggio!

Cosa vi serve?

Cosa fondamentale vi serve un mezzo di trasporto: un camper, un van, una macchina attrezzata per dormire (noi per esempio abbiamo una rooftop tent), una moto o, se siete molto coraggiosi e molto svalvolati, una bici (ragazzi, vi assicuro che abbiamo visto gente in bici trainare un carretto con il necessario per accamparsi e addirittura un uomo A PIEDI che spingeva una specie di passeggino con il necessario!!) e una tenda!

La seconda cosa che vi servirà e’ un cellulare o un computer o un tablet, anche se per la maggior parte del tempo non avrete connessione (ma vi spiegherò anche come risolvere questo problema).

Tutto qui, voglia di partire e spirito di adattamento sono d’obbligo, ma sarete ampiamente ripagati!!

Dove dormire.

FREE CAMPS

La prima, e piu’ gettonata opzione, (fighissima!) sono i FREE CAMP ovvero aree di sosta piu’ o meno grandi, con piu’ o meno servizi, nelle quali potrete accamparvi completamente gratis!
Certo non stiamo parlando di campeggi di lusso, ma ci sono aree davvero molto spaziose e molto piacevoli in cui potete godervi panorami e tramonti veramente spettacolari sorseggiando la vostra birretta fresca o ammirare cieli stellati da far invidia alla NASA!
Oltretutto nei free camp la gente e’ sempre molto amichevole e spesso e volentieri vi troverete a chiacchierare dei luoghi visitati, a scambiarvi consigli o a dividere un posto davanti al fuoco di sera o una tazza di tè caldo al mattino!

Nella stra maggioranza dei casi i free camp non hanno docce (ma spesso troverete bagni con acqua correte e a volte anche acqua potabile), quindi la domanda sorge spontanea: dove lavarsi??
Noi abbiamo trovato tre soluzioni.
La prima e’ quella di cercare distributori che abbiano le docce. Quasi sempre offrono il servizio gratuitamente (ma non aspettatevi sempre l’acqua calda!), in altri casi si paga un piccolo prezzo (dai 2 ai 5 dollari), ma in questo caso il servizio offerto e’ molto migliore (maggiore pulizia e acqua calda).
Una seconda opzione e’ quella di cercare parchi o aree di sosta diurne che abbiano, oltre ai bagni pubblici, anche le docce. Questa e’ un po’ piu’ complicata dato che le docce a volte si trovano all’aria aperta (specie in prossimità delle spiagge) e non sempre le condizioni meteo permettono di farsi una doccia rinfrescante a cielo aperto!
Terza e ultima opzione (la piu’ spartana, ma la piu’ sicura!) e’ avere una doccia da campeggio (cliccate qui per trovare un elenco di tutti i miei must have di viaggio). Sono abbastanza economiche, basta riempirle, lasciarle sopra il tettuccio della macchina e nel momento del bisogno basta appenderla a un albero o a un gancio e la vostra doccia e’ pronta! Se c’è abbastanza sole, l’acqua dentro la sacca si scalderà e vi potrete anche fare una doccia calda! Potete anche usare una bacinella per mettere dentro i piedi ed evitare di infangarvi i piedi! C’è da dire che il meteo, anche in questo caso non e’ sempre favorevole, ma viaggiate verso nord d’inverno e tutto andrà bene!
Un’accortezza: per favore usate saponi biodegradabili e naturali per non rovinare ulteriormente il nostro meraviglioso pianeta!

Per quanto riguarda i bagni, se nel free camp non li trovare, usate il metodo piu’ vecchio del mondo: scavate una buca e soprattutto ricopritela!!

So che alcuni di voi storceranno il naso e si schiferanno un po’ per il largo uso di bagni pubblici sopra citato, ma rassicuratevi! I bagni pubblici in Australia sono estremamente puliti, 99 volte su 100 troverete anche la carta, anche in mezzo al bush, al deserto o alla giungla!
Spesso e volentieri, però (mancanza di acqua corrente) non ci sono lavandini quindi munitevi di gel disinfettante!

DONATION CAMPS

Questi campeggi sono una via di mezzo tra i free camps e i normali caravan park e a seconda del posto che scegliete potrete trovare piu’ o meno servizi. L’unico dazio da pagare e’ un’offerta che potete fare (o non fare) a seconda del proprio portafoglio, ma credo che pagare un servizio offerto sia giusto, soprattutto per sostenere le piccole comunità dove, quasi sempre, trovate i donation camps.

NATIONAL PARKS BUSH CAMPING

Bush camping fa un po’ paura? No, tranquilli! Questi sono campeggi eco sostenibili che si trovano all’interno dei parchi nazionali. Sono molto piu’ economici dei normali campeggi che trovate nei paesi o nelle città e offrono servizi di base come le toilette, a volte le docce, tavoli da pic-nic, acqua (non sempre e’ potabile!)…
Anche qui cercate di essere piu’ ecosostenibili possibile dato che ci si trova in zone protette a stretto contatto con flora e fauna unica al mondo!

COUCH SURFING

Per chi non conosce questo servizio, e’ un app e un sito internet a cui ci si inscrive per entrare in una comunità on line dove si chiede, si offre e si riceve ospitalità.
Si trova di tutto: dalla camera condivisa, alla camera privata e ci e’ anche capitato che offrissero un posto nel giardino per accamparsi!
Questo e’ anche un modo per socializzare e conoscere gente nuova!

OSTELLI

Ultimamente ci e’ capitato di notare che alcuni ostelli offrissero un posto per dormire nel loro parcheggio, all’interno del proprio veicolo. Ovviamente i prezzi sono molto contenuti, ma se avete una tenda, come noi, non e’ sempre possibile!

HELPIX, WORKAWAY, WWOOF…

Trovare un alloggio gratis per qualche giorno in cambio di qualche ora di lavoro volontario e approfittatene per ricevere tanti consigli ed esplorare zone limitrofe poco battute dai turisti!

Come trovare un alloggio.

E qui entra in gioco il cellulare o il dispositivo elettronico che preferite!
Per trovare tutti questi posti non dovete far altro che scaricare due applicazioni: WIKICAMPS (costa circa 5 euro da pagare una tantum e funziona offline), dove troverete tutti i tipi di campeggio da quelli free a quelli a pagamento (quelli nei parchi nazionali li trovate con il filtro “a pagamento” all’interno delle aree verdi) e COUCH SURFING. So che esistono anche altre app come YOUCAMP ma non l’ho mai provata quindi non mi sento di consigliarla.
Per trovare un alloggio in cambio di lavoro dovete collegarvi ai relativi siti, quindi vi servirà la connessione ad internet.

Bene, vi avevo detto all’inizio che vi avrei svelato come risparmiare qualche soldo sul carburante, di cui assolutamente non potete fare a meno, quindi se siete arrivati a leggere fin qui, assolutamente ve lo meritate!
Anche qui a semplificarci la vita e’ un’app che si chiama FUEL MAP, e’ gratuita e funziona offline, quindi potrete usarla veramente ovunque in Australia! Troverete elencati su una mappa tutti i distributori che si trovano vicino a voi, con relativi prezzi e servizi che offre la stazione di benzina (ecco come trovo dove fare le docce gratis!)! Molto molto utile e ricordatevi di aggiornare i prezzi dell’app ogni volta che fate rifornimento così chi consulterà la mappa dopo di voi avrà informazioni sempre aggiornate!
Un’altra app veramente utilissima e’ MAPS ME, anche questa gratuita e anche questa funziona off line, vi basterà solo scaricare le mappe che vi interessano prima di partire ed il gioco e’ fatto! Ah, MAPS ME funziona ovunque quindi e’ utile in ogni occasione (noi per esempio l’abbiamo usata nel traffico impossibile di Bali, senza saremmo stati persi!).

Spero che questo articolo vi sia stato utile o che lo sarà. Ci tengo a precisare che non sono in affiliazione con nessuna delle app o dei siti citati e l’unico modo in cui potete sostenere il nostro viaggio e’ facendoci una donazione tramite il bottone “Regalaci un KM!”. Se lo farete, ci permetterete di campeggiare ancora gratis (o quasi) e scoprire tante altre cose che vi sveleremo per aiutarvi nei vostri prossimi viaggi!

A presto e buona strada!!